Blog: http://fioredicampo.ilcannocchiale.it

Buoni e cattivi



Devo scriverlo subito per sfogare la mia rabbia e anche per accontentare chi mi ha fatto notare che sono "rimasta indietro" col blog.
Questo è quanto mi è successo un paio d'ore fa al mio rientro a casa in macchina, dopo una giornata di lavoro e dopo aver fatto un po' di spesa.
Prima di tutto va precisato che un po' di spesa significa cinque pesantissime borse piene fino ai manici che, a portarle da sola, mi fanno allungare le braccia come una scimmia. Considerando questo fatto non secondario, mentre mi avvicinavo a casa ho iniziato ad augurarmi di trovare un parcheggio un po' più vicino di un km (si fa per dire), cosa peraltro difficilissima a quell’ora della sera; credo addirittura che la gente che abita nella mia strada rinunci ad usare la macchina per non essere costretta a cercare un posto al rientro o a parcheggiare come nell'immagine sopra!
Oggi invece sono stata fortunata: quando sono arrivata vicino al mio portone, incredibile a dirsi, c'era un posto vuoto. Da brava e corretta "automobilista" ho messo la freccia, mi sono affiancata alla macchina davanti e, proprio mentre stavo iniziando la manovra in retromarcia, un'altra auto si è infilata nel posto libero da dietro mettendosi per traverso. Naturalmente ho suonato il clacson per far capire che quel posto era mio, ma per tutta risposta la truccatissima, elegantissima ed altezzosissima signora che era alla guida è uscita dall'auto senza degnarmi di uno sguardo. Sono rimata allibita da tanta ignoranza; la tentazione è stata quella di scendere, andarle dietro ed esprimerle la mia ammirazione per la sua "irreprensibile moralità" e per la sua correttezza, poi le avrei indicato il percorso più breve per le Cascine (i fiorentini mi avranno capita, gli altri potranno chiedere spiegazione).
Naturalmente non l'ho fatto perché non sono il tipo che si mette a litigare in mezzo di strada con una persona tanto indegna, ma le ingiurie che le ho inviato mentalmente, a ripensarci, sono altrettanto vergognose.
Mentre stavo per ripartire alla ricerca di un altro parcheggio, ho sentito un leggero bussare al vetro del finestrino dal lato del passeggero. Era un signore molto anziano che, avendo visto la scena, mi ha avvertito che stava per uscire con la sua macchina parcheggiata dieci metri più avanti e che, se volevo, potevo occupare il suo posto.
Questo piccolo gesto di cortesia ha compensato la maleducazione subita poco prima e ha riportato il sorriso sulle mie labbra.

Pubblicato il 20/9/2010 alle 21.12 nella rubrica Aneddoti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web